Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio

Fnaarc > Fnaarc: dalla relazione del Presidente Corsi all’assemblea
Edicola - Milano, 5 dicembre 2013
Edicola

Articolo pubblicato sul quotidiano nazionale Italia Oggi del 05.12.2013

«Parliamo delle nuove relazioni politiche e istituzionali. Non posso tacervi il mio malcontento, per usare un eufemismo. E il mio malcontento è rivolto verso quella che chiamo la cattiva politica. Sono stanco di sentire parole inutili e fumose. Io sono da 51 anni nella Fnaarc e da 19 sono grazie a voi Presidente. Ho vissuto tante battaglie prima al fianco di Volpi, poi in prima persona. Ho avuto relazioni con tanti politici. Insieme abbiamo ottenuto importanti conquiste: tre. Per tutte, lo star del credere, la privatizzazione dell’Enasarco, il mantenimento dei requisiti. E oggi? Zero interlocutori. Noi non vogliamo regali da nessuno, ma solo un ascolto obiettivo e ragionato. Noi siamo una categoria di lavoratori che rischiano in proprio. Non abbiamo ammortizzatori sociali. Dallo Stato non prendiamo nulla ma invece diamo moltissimo, sottoposti come siamo a un carico fiscale senza precedenti. Siamo una categoria che paga le tasse sino all’ultimo Euro, gli Agenti sono la maglia rosa dei contribuenti. Siamo circa 300.000 famiglie e attraverso il nostro lavoro passa il 70% del Pil. Se chiediamo ascolto le istituzioni ce lo devono dare. Non chiediamo che di poter lavorare in condizioni possibili. E non stiamo nel frattempo fermi ad aspettare. Il Forum Agenti che si sta svolgendo qua attorno ne è un esempio.

Noi non molliamo. Io non mollo. Per i prossimi 4 anni mi adopererò per il conseguimento degli obiettivi del nostro programma. Ma non solo. Per i prossimi quattro anni ci faremo sentire con la massima forza in tutte le sedi politiche e istituzionali. A partire dalle prossime scadenze elettorali europee. Basta parole fumose e promesse inutili. Fatti! Il nostro programma è chiaro: aiutare il lavoro, agevolare la ripresa dei consumi, rendere sostenibile il carico fiscale che pesa quasi completamente sul lavoro, attraverso una netta riforma fiscale. Una legge che agevoli l’ingresso al mondo del lavoro dei giovani.

Noi siamo una associazione apartitica. Ci interessa solo tutelare i nostri associati. I candidati che vorranno il nostro voto, che ha un peso rilevante, dovranno impegnarsi sul nostro programma e dare risposte concrete e controllabili. Firmare un’intesa.

E noi vigileremo senza sosta. Invito tutti a una riflessione: gli Agenti di Commercio sono il network più diffuso in Italia. Ogni giorno sviluppiamo oltre 1.000.000 di contatti con i nostri clienti e le nostre società mandanti, contatti qualificati di imprenditori, commercianti, lavoratori».

Adalberto Corsi

Clicca qui per visualizzare il PDF di Italia Oggi