Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio

Fnaarc > In giro per la Fnaarc: Vercelli
Edicola - Milano, 16 maggio 2013
Edicola

In giro per la Fnaarc: Vercelli

Sabato 27 aprile 2013: Il Presidente Corsi alla Giornata dell'Agente di Commercio

Articolo pubblicato sul quotidiano nazionale Italia Oggi del 16.05.2013

Il ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio nel momento della grave crisi economica e le prospettive che ne derivano per la categoria sono state al centro dell’applaudito intervento di Adalberto Corsi, Presidente nazionale della Fnaarc, a Vercelli, in occasione della Giornata dell’Agente di commercio giunta, sabato 27 aprile, alla sua 23ª edizione.

Organizzata dall’associazione territoriale di Vercelli, sotto l’egida del Presidente Alberto Filippini, la quale fa riferimento alla locale Ascom presieduta da Antonio Bisceglia, la manifestazione ha registrato il tutto esaurito in platea con oltre ottanta operatori che hanno ascoltato con attenzione anche gli interventi di Carlo Bravi, Direttore Generale dell’Enasarco, di Agostino Petriello, lo storico legale di tante battaglie Fnaarc, e di Giuseppe Miazzone, responsabile fiscale e tributario dell’Ascom di Vercelli.

Nel suo intervento Corsi – riconfermato nel novembre scorso alla guida della più importante organizzazione nazionale di categoria – ha indicato, dopo aver ricordato che «se c’è poco da ridere, altrettanto inutile è piangersi addosso», un percorso contenente i capisaldi che consentiranno agli agenti e rappresentanti di commercio di trovarsi pronti quando, all’uscita del tunnel della crisi, nulla sarà più come prima.

Vercelli - Fnaarc: Giornata dell'Agenti di Commercio

Nella foto da sinistra: Filippini, Bravi, Corsi, Petriello e Miazzone

«Rafforzare con convinta partecipazione il ruolo del sindacato e da questo rafforzamento far scattare il principio della rete», ha detto Adalberto Corsi, «è l’unico modo per rafforzare il ruolo della nostra categoria tanto sul mercato quanto nei rapporti con le aziende mandanti».

In questa occasione il Presidente della Fnaarc ha ricordato i numerosi risultati ascrivibili all’azione dell’organizzazione, dagli accordi economici collettivi alla cessazione dello star del credere, dall’obbligatorietà del patto di non concorrenza post-contrattuale alla difesa del principio dell’indennità suplettiva di clientela per finire alla privatizzazione dell’Enasarco.

A proposito di Enasarco puntuale e assai efficace l’intervento di Carlo Bravi, Direttore Generale dell’Enasarco, la fondazione che garantisce la previdenza integrativa agli agenti e rappresentanti di commercio.

I quali, non dimentichiamolo, garantiscono il ruolo di cinghia di trasmissione del sistema distributivo del nostro Paese e intermediano il 60% del Prodotto Interno Lordo. La Fnaarc, come detto, è l’organizzazione più importante grazie ai suoi settantamila associati.

Clicca qui per visualizzare il PDF di Italia Oggi