Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio

Fnaarc > Quattro servizi Enasarco da tenere sott’occhio
Redazione Fnaarc - Milano, 11 settembre 2017
Redazione Fnaarc

Quattro servizi Enasarco da tenere sott’occhio

Dai libri scolastici alla previdenza per gli Over 75. Enasarco offre tanti servizi ai suoi iscritti, ma sono quattro i più gettonati

enasarco-f2Sono tante le prestazioni integrative che Fondazione Enasarco mette a disposizione della nostra categoria. Forme di tutela, supporti economici, e formazione sono al centro dell’attività della fondazione, che si prepara ad entrare nel primo anno di presidenza Costa con un saldo in positivo e tante obiettivi da centrare nel prossimo anno.

Ma ecco quattro dei servizi che la fondazione mette a disposizione per i propri iscritti:

OVER 75
È una nuova prestazione erogata in favore di agenti in attività con almeno di 75 anni di età compiuti, come contributo straordinario per spese dovute a infortunio, ricovero o spese mediche non coperte dalla polizza assicurativa. L’importo erogato è a discrezione della Fondazione, che valuterà il singolo caso documentato. Per accedere alla prestazione, alla data dell’evento, è necessario avere un conto previdenziale incrementato esclusivamente da contributi obbligatori, con un saldo attivo (al 31/12/16) di almeno 3.097,50 euro e un’anzianità contributiva complessiva di almeno cinque anni (di cui 2014, 2015 e 2016 consecutivi, per un totale di 12 trimestri).
Per richiedere il contributo è necessario compilare i moduli reperibili sia sul sito enasarco.it sia presso gli uffici della Fondazione. Si può scegliere di inviare la domanda tramite posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo prestazioni@pec.enasarco.it; oppure tramite raccomandata A/R a: Fondazione Enasarco – Servizio Prestazioni – Ufficio Prestazioni Integrative e Firr – Via A. Usodimare 31, 00154 Roma. Alla richiesta gli iscritti dovranno allegare la seguente documentazione: fattura (o copia autenticata) delle spese sostenute purché di entità rilevante, documentazione medica, copia del documento di identità valido del richiedente. Per quanto riguarda la scadenza è importante sapere che il contributo deve essere richiesto entro 90 giorni dall’evento, pena la decadenza del diritto. Le domande inviate oltre tale data o prive della documentazione richiesta non saranno valutate.

LIBRI SCOLASTICI
È un contributo pari a 100 euro per l’acquisto di libri scolastici per l’anno di frequenza 2017/2018. Spetta ovviamente alle famiglie degli agenti con figli in età scolare. Alla data dell’1/9/2017 è necessario avere i seguenti requisiti:
tAgenti in attività (all’1/9/2017): avere un conto previdenziale incrementato esclusivamente da contributi obbligatori, con un saldo attivo (al 31/12/16) di almeno 1.879,50 euro e un’anzianità contributiva complessiva di almeno tre anni (di cui 2014, 2015 e 2016 consecutivi, per un totale di 12 trimestri).
tPensionati: essere titolare di una pensione diretta Enasarco.
Questa prestazione da quest’anno ha una nuova procedura online. Per richiedere il contributo bisogna infatti collegarsi alla propria area riservata e cliccare su «Richieste» e quindi «Nuova richiesta». Si ha quindi accesso a un pannello di visualizzazione, «Chiedi alla Fondazione Enasarco», e da qui si può selezionare «Libri scolastici».
La schermata successiva riepiloga le informazioni relative alla prestazione e, quindi, verifica se l’agente è in possesso dei requisiti minimi previsti. A questo punto bisogna selezionare i dati anagrafici del figlio, se è già presente in archivio, oppure inserirli per la prima volta. Viene richiesto di caricare la documentazione necessaria, ovvero la copia del modello Isee (che attesti il reddito familiare complessivo annuo lordo del 2015) e dell’attestato di iscrizione dello studente all’anno scolastico 2017/18, rilasciato dalla scuola.
Va quindi inserito un Iban per l’accredito del contributo: se le coordinate bancarie sono già presenti in archivio possono essere confermate oppure eliminate con il tasto «matita» e si può aggiungere il nuovo conto corrente su cui si richiede venga liquidato l’importo. Il sistema propone una schermata di riepilogo dei dati inseriti: è bene ricordare che va letta e confermata la parte relativa all’assunzione di responsabilità e l’informativa sul trattamento dei dati personali.
Ora la domanda è registrata, ed è associata a un numero di protocollo identificativo a cui l’utente può fare riferimento per visualizzarne lo stato di avanzamento nella lavorazione da parte degli operatori della Fondazione. Cliccando sulla voce «Ricevuta» si apre il riepilogo della richiesta: una copia della ricevuta è conservata nella sezione richieste dell’area riservata, mentre per verificare l’iter della domanda basta entrare in «Elenco richieste». L’utente, infine, riceve un’email di conferma.

ASSEGNI FUNERARI
È un contributo di 1.000 euro che la Fondazione eroga per le spese funerarie sostenute per il decesso di un iscritto avvenuto nel 2017. Spetta al coniuge superstite, coniugato o legalmente separato al momento del decesso, o in sua assenza al tutore dei figli minori, oppure ai figli maggiorenni totalmente e permanentemente inabili al lavoro.
Per ottenere la prestazione è necessario avere i requisiti:
tanzianità contributiva dell’agente deceduto di almeno due anni, per decessi avvenuti in pendenza di un rapporto di agenzia;
tanzianità contributiva dell’agente deceduto di almeno cinque anni, per decessi avvenuti dopo la cessazione dell’attività;
ttitolarità della pensione Enasarco dell’agente deceduto.
I moduli da compilare sono disponibili sul sito enasarco.it e negli uffici della Fondazione. Si può scegliere di inviare la documentazione tramite posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo prestazioni@pec.enasarco.it; oppure tramite raccomandata A/R a: Fondazione Enasarco – Servizio Prestazioni – Ufficio Prestazioni Integrative e Firr – Via A. Usodimare 31, 00154 Roma.
Coloro che richiedono il contributo dovranno allegare copia del documento di identità valido.
Il contributo deve essere richiesto entro un anno dall’evento, pena la decadenza del diritto. Le domande inviate oltre tale data o prive della documentazione richiesta non saranno valutate.

EROGAZIONI STRAORDINARIE
È una prestazione integrativa che la Fondazione eroga agli iscritti in particolari casi di bisogno economico e che spetta agli agenti in attività, ai pensionati e agli orfani minorenni degli iscritti. È un contributo il cui importo è a discrezione della Fondazione, che valuterà ogni singolo caso in base alla documentazione fornita.
L’erogazione straordinaria può essere richiesta nei seguenti casi:
tcalamità naturali o disastri civili avvenuti nell’anno di riferimento;
tgrave danno economico causato da eventi distruttivi occasionali, con coinvolgimento di beni immobili e mobili connessi alla vita familiare o professionale dell’iscritto;
tspese mediche documentate derivanti da malattie gravi, ricoveri o infortuni occorsi all’iscritto o a un suo familiare (coniuge convivente e figli a carico) non coperte dalla polizza sanitaria Enasarco;
tspese funerarie documentate sostenute per il decesso del coniuge convivente o dei figli a carico dell’iscritto;
tstati di bisogno di eccezionale gravità documentati.
Anche in questo caso i moduli da compilare sono disponibili sul sito enasarco.it, oppure presso gli uffici della Fondazione. La richiesta dovrà essere tramite posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo prestazioni@pec.enasarco.it; o tramite raccomandata A/R a: Fondazione Enasarco – Servizio Prestazioni – Ufficio Prestazioni Integrative e Firr – Via A. Usodimare 31, 00154 Roma.
Questa prestazione ha avuto un rilievo particolare nell’ultimo anno per tutti quegli iscritti che sono stati colpiti dai tragici eventi sismici dell’Italia centrale. Nel mese di giugno la Fondazione Enasarco si è impegnata a inviare una comunicazione agli agenti in attività e in pensione residenti nei Comuni colpiti, per ricordare loro la possibilità di usufruire della «Erogazione straordinaria per calamità naturali».
Quest’iniziativa del CdA fa parte di un piano di sostegno straordinario agli agenti e rappresentanti di commercio che operano e vivono nelle zone coinvolte dai recenti eventi sismici, eventi che hanno profondamente inciso in ambito personale, familiare e professionale.

 

Credits: Specchio Economico