Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio

Fnaarc > FNAARC Torino: L’associazione riconferma Gino Mattiolo come Presidente
Redazione Fnaarc - Milano, 23 giugno 2017
Redazione Fnaarc

FNAARC Torino: L’associazione riconferma Gino Mattiolo come Presidente

L'associazione torinese ha anche eletto i nuovi membri del consiglio direttivo. Andrea Botto è il nuovo vicepresidente

logo arc linkedin 124Gli Agenti e Rappresentanti di commercio della F.N.A.A.R.C. di Torino, si sono riuniti in Assemblea Elettiva nella sede di via Massena, 20, per il rinnovo degli organi dell’Associazione.

Nel corso dell’assemblea il Presidente uscente Gino Mattiolo ha svolto la sua relazione sui principali fatti salienti accaduti nel corso della consiliatura, con particolare riferimento alla crisi economica che ha inevitabilmente coinvolto la categoria, e tutte le problematiche che gli agenti di commercio sono costretti ad affrontare quotidianamente: il costante calo dei consumi, la chiusura dei negozi così detti di vicinato utilissimi sul piano sociale e che rendono vive e sicure le vie della città, la ztl, la pressione fiscale che grava ormai per oltre il 60% sul reddito e tutti gli adempimenti di ordine burocratico.

L’Assemblea ha riconfermato GINO MATTIOLO Presidente dell’Associazione. Sono stati eletti anche componenti del Consiglio Direttivo: Andrea Botto, Filippo Burzio, Rossana Burzio, Claudio Chicco, Mauro Di Francesco, Davide Marcomini, Giovanni Pavesio, Thomas Tarchiani, Maurizio Tonus. Botto ha assunto la carica di vice presidente.

“Il nuovo Consiglio Direttivo uscito dall’urna – ha dichiarato GINO MATTIOLO – è testimonianza di vitalità della Categoria e della nostra Associazione. L’ingresso in Consiglio di Agenti giovani realizza pienamente la volontà di cambio generazionale, infatti ben sette sono i consiglieri giovani che fanno attestare l’età media intorno ai 43 anni.”
“Nel corso di questi anni di crisi – ha proseguito Mattiolo – la categoria non solo ha resistito, ma ha anche attratto molti addetti commerciali fuoriusciti da quelle aziende che sono state costrette a ridurre gli organici a costo fisso, a differenza degli agenti che costituiscono per l’impresa un costo variabile.”